fbpx

Pordenonelegge

Pordenone

Mauro Grion

Presidente dell’area Sociale Vasta Friuli-Venezia Giulia

Sosteniamo Pordenonelegge perché…

Il Friuli Venezia Giulia è un territorio impreziosito da molteplici diversità e sensibilità, un incrocio di popoli prima che di assi stradali e ferroviari. Dopo i disastri e le follie del ‘900 che hanno duramente colpito queste terre, posso tranquillamente affermare – da Presidente di Area Sociale Vasta della Regione – che senza gli strumenti offerti dalla cultura non sarebbe mai stata possibile l’esemplare convivenza sociale e civile, che nel 2025 porterà Nova Gorica e Gorizia a rappresentare assieme la Capitale Europea della Cultura.

L’accettazione dell’altro, l’inclusione, la legalità, la solidarietà e la cooperazione costituiscono patrimonio culturale non meno della narrativa o dell’arte. In Friuli Venezia Giulia vantiamo una storica tradizione di caffè letterari e di istituzioni culturali che Coop sostiene a fianco degli organizzatori di affermate manifestazioni, festival e rassegne di vario genere, tra cui Pordenone Legge, quest’anno ripartito tra più località.

Questi numerosi interventi testimoniano il grande amore di Coop Alleanza 3.0 per la cultura, l’impegno a farla arrivare al pubblico, la fiducia nella potenzialità del suo valore e nel ruolo che essa può svolgere nella nostra società sempre più fluida e in continua trasformazione.

Mauro Grion

La voce del festival

Gian Mario Villalta

Direttore artistico

Laureato in Lettere, insegna in un liceo a Pordenone. Prime pubblicazioni sulle riviste il verri di Luciano Anceschi, Studi di Estetica e Alfabeta, ancora alla metà degli anni ’80. Negli anni successivi scriverà anche su ClanDestino, Tratti, Nuovi Argomenti, Testo a Fronte, Baldus

Ha pubblicato libri di poesia spaziando dal dialetto (veneto periferico) – Altro che storie!, Campanotto 1988 (Premio S. Vito al Tagliamento); Vose de Vose/ Voce di voci, Campanotto 1995 (Premio Lanciano); Revoltà, Biblioteca Civica di Pordenone, 2003 –  all’italiano – tra i più recenti Vanità della mente, Mondadori, 2011 (Premio Viareggio 2011, Premio Diego Valeri); Telepatia (LietoColle) 2016. (Premio Il Ceppo Pistoia, Premio Maconi, Premio Carducci, Premio Città di Como); Il scappamorte (Amos editore). Nel 2007 ha redatto l’aggiornamento della voce Poesia per l’Enciclopedia Italiana Treccani e ha contribuito con due saggi al 3° volume dell’Atlante della Letteratura Italiana Einaudi (2013).

Il suo primo libro di narrativaUn dolore riconoscente, è uscito presso Transeuropa nel 2000.Poi sono venuti i romanzi Tuo figlio, Mondadori 2004 , (Premio Napoli, Premio “primo romanzo italiano” di Chambery); Vita della mia vita, Mondadori 2006;Alla fine di un’infanzia felice, Mondadori 2013; Satyricon 2.0, Mondadori 2014; Scuola di Felicità, Mobdadori 2016, Bestia da latte (SEM 2018). Nel 2019 il volume di riflessioni e racconto L’olmo grande, Aboca editore. Nel 2018 è uscito presso Laterza L’isola senza memoria, riflessioni e racconti nell’orizzonte invisibile di Gola Otok.

Dal 2003 è direttore artistico di pordenonelegge.

In esclusiva per ad alta voce

Massimo Recalcati

Psicoanalista e scrittore

Psicoanalista tra i più noti in Italia, dirige l’IRPA (Istituto di ricerca di psicoanalisi applicata) e nel 2003 ha fondato Jonas Onlus (Centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi). Collabora con i quotidiani la Repubblica e La Stampa e insegna all’Università di Pavia e alla IULM di Milano.

È autore di numerosi libri, tradotti in diverse lingue, tra cui L’uomo senza inconscio, Cosa resta del padre?, Il complesso di Telemaco, La tentazione del muro. Lezioni brevi per un lessico civile e di una monografia in due volumi su Jacques Lacan (2012, 2015). Ha pubblicato per Einaudi, L’ora di lezione (2014), I tabù del mondo (2017 e 2018), La notte del Getsemani (2019 e 2020), Il gesto di Caino (2020), Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, infanzia e desiderio (2021) e Il grido di Giobbe (2021).

Pordenonelegge

Il progetto pordenonelegge.it ha origine nel 2000 a seguito di un’intelligente intuizione dell’allora presidente della Camera di Commercio di Pordenone, Augusto Antonucci. La volontà era quella di attirare l’attenzione sulle potenzialità turistiche e culturali della città di Pordenone, fino ad allora conosciuta esclusivamente come una realtà prettamente economica e manifatturiera.

A sostenere il progetto si affiancò da subito l’Ente Fiera e a ruota tutti gli enti e le istituzioni del territorio.
Per le prime due edizioni, l’organizzazione fu affidata a curatori esterni ma fu nel 2002 che avvenne la svolta: l’Ente camerale decise di affidare la direzione artistica ad un gruppo di operatori culturali locali, ben radicati nel territorio, dalle grandi potenzialità e con relazioni consolidate in ambito editoriale.

Oggi pordenonelegge.it è la Festa del Libro con gli autori del Nord Est d’Italia e vanta importanti relazioni con altri festival, collaborazioni con eventi internazionali e gioca un interessante ruolo di palcoscenico per autori famosi e scrittori emergenti. È un Festival che vuole continuare a crescere in qualità e che per farlo ha bisogno dell’affetto di tutti i suoi affezionati protagonisti, primi tra tutti i visitatori.

 

Pordenone (PN) | dal 15 al 19 settembre | pordenonelegge.it